Citazioni, aforismi, motti di Filosofia

CONSULTA L'ELENCO DI TUTTI GLI AUTORI DI CITAZIONI, AFORISMI, MOTTI

Scegli e filtra una CATEGORIA: TUTTE | Filosofia | Motto | Narrativa | Scienze |
Puoi anche effettuare una ricerca per autore/libro/citazione:

Ultime 5 citazioni inserite

OPPURE VUOI VEDERE LE ULTIME 30?
Emil Cioran, "Storia e Utopia"
Diffidiamo di coloro che aderiscono a una filosofia rassicurante, che credono nel Bene e lo erigono volentieri a idolo; non vi sarebbero pervenuti se, ripiegati onestamente su se stessi, avessero sondato le proprie profondità o i propri miasmi; ma coloro – quei rari, è vero – che hanno avuto l'indiscrezione o la sventura di immergersi fino all'intimità del loro essere, sono informati sul conto del [continua...]
Francois de la Rochefoucauld, "Massime. Riflessioni morali"
Gli spiriti mediocri di solito condannano tutto ciò che non è alla loro portata.
Carl von Clausewitz, "Della Guerra"
La guerra è un atto del commercio degli uomini.
Carl von Clausewitz, "Della Guerra"
È dal grembo della politica che la guerra trae origine, è nella politica che i caratteri principali della guerra sono già contenuti allo stadio rudimentale, come le proprietà degli esseri viventi lo sono nei rispettivi embrioni.
Carl von Clausewitz, "Della Guerra"
La guerra non è che la continuazione della politica con altri mezzi.

Elenco citazioni e aforismi, ordine per autore/libro

Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Quando i preti si mettono sulla via del male, lo fanno in maniera estrema e commettono crimini che farebbero impallidire un comune peccatore. Si preferisce attribuire ciò alla repressione sessuale piuttosto che alle dottrine che essi predicano; tuttavia, una di queste dottrine predica proprio la repressione sessuale…
Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Poi c’è la questione saliente di ciò che i comandamenti non dicono. E’ troppo moderno osservare che non c’è niente sulla protezione dei bambini dalla crudeltà, niente sullo stupro, niente sulla schiavitù e niente sul genocidio? O è troppo “pedissequo” notare che alcuni di questi veri e propri crimini sono quasi positivamente raccomandati? Nel versetto 2 del capitolo successivo dio dice a Mosè di i [continua...]
Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Come se nel mondo mussulmano non ci fossero già ignoranza e repressione a sufficienza tra i giovani maschi, sovente isolati da ogni compagnia femminile, indotti a disprezzare madri e sorelle, e sottoposti a istupidenti e ripetitive recitazioni del Corano. Avendo conosciuto alcuni dei prodotti di questo sistema “educativo”, in Afghanistan e altrove, posso solo ribadire che il loro problema non è ta [continua...]
Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Quella umana è una specie animale senza grandi varietà al suo interno, ed è sciocco e futile credere che un viaggio in Tibet, ad esempio, possa svelare un modo radicalmente diverso di essere in armonia con la natura o con l’eterno. Il Dalai Lama, per fare un esempio, si può tranquillamente considerare un laico. Esattamente come un principe medievale, egli rivendica non solo l’indipendenza del Tibe [continua...]
Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Non abbiamo più bisogno di un dio per spiegare ciò che non è più misterioso. Cosa faranno i credenti, adesso che la loro fede è opzionale, privata e irrilevante, è un problema loro. Noi non dovremmo occuparcene, a meno che non facciano ulteriori tentativi di inculcare la religione con metodi, in qualsiasi modo, coercitivi.
Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Coloro che hanno a noia le tradizionali religioni della “Bibbia”, e cercano l’illuminazione attraverso una qualche forma di dissoluzione delle proprie facoltà critiche nel nirvana, farebbero bene a stare attenti. Forse pensano di lasciare il regno del disprezzato materialismo, ma qui viene anche chiesto loro di mettere a tacere la ragione e di buttare via, insieme ai sandali, le proprie teste.
Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Domandatevi quanto sia morale ciò che segue: mi viene raccontato di un sacrificio umano che ebbe luogo duemila anni fa, senza che io lo volessi e in circostanze talmente orribili che, se fossi stato presente e ne avessi avuta la possibilità, mi sarei sentito in dovere di impedirlo. In conseguenza di questo assassinio, i miei molteplici peccati vengono perdonati e io posso ambire alla vita eterna.
Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Violente, irrazionali, intolleranti, alleate al razzismo e al tribalismo e alla bigotterie, gravide di ignoranza e ostili alla libera ricerca, spregiatrici delle donne e coercitive con i bambini: le religioni organizzate dovrebbero avere molto sulla coscienza.
Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Lo si deve dire chiaramente. La religione proviene dalla preistoria umana quando nessuno avedva la minima idea di come le cose funzionassero. Essa ci arriva dall’infanzia vociante e timorosa della nostra specie, ed è un tentativo puerile di dare risposta al nostro ineludibile bisogno di conoscenza (e anche di calore, di rassicurazione e di altri bisogni infantili). Oggi, il meno istruito dei miei [continua...]
Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Un’ulteriore difficoltà è l’incontestabile tendenza dell’Onnipotente a manifestarsi solo a individui illetterati e di incerta storicità, in aree desertiche del Medio Oriente che furono a lungo patria della venerazione di idoli e della superstizione e in molti casi già zeppe di preesistenti profezie.
Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Qui, ancora una volta, possiamo riscontrare la madornale fallacia umana che informa la storia della nostra Genesi. Come si può provare, e in un solo versetto, che questo libro è stato scritto da uomini ignoranti e non da qualche dio? Perché all’uomo è concesso il dominio su tutti gli animali, gli uccelli e i pesci. E lasciando da parte la loro singolare e immediata creazione, non si citano né dino [continua...]
Christopher Hitchens, "Dio non è grande"
Se non posso dimostrare in maniera definitiva che l’utilità della religione è ormai cosa del passato, che i suoi testi fondamentali sono palesemente delle favole, che essa è una impostura prodotta dall’uomo, che è stata nemica della scienza e della ricerca, che si è basasta in gran parte su menzogne e paure ed è stata complice di crimini e ignoranza così come dello schiavismo, di genocidi, razzism [continua...]
Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
MUGGERIDGE: Quindi lei non sarebbe d'accordo con quanti sostengono che in India ci sono troppi bambini? MADRE TERESA: No, non sono d'accordo perchè Dio provvede sempre. Provvede per i fiori e gli uccelli, per tutte le cose del mondo che ha creato. E quei piccoli bambini sono la sua vita. Non potranno mai essercene abbastanza. Se fosse vero che Dio "provvede sempre" allora, ovviamente, tanto per [continua...]
Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
Ci sono dei medici che si fanno vivi di quando in quando, ma di solito le suore e i volontari (alcuni dei quali possiedono qualche rudimento di medicina) prendono le decisioni come meglio possono. Ho visto un giovane che era stato accolto in brutte condizioni con febbre alta: gli erano stati prescritti tetraciclina e paracetamolo. Successivamente, un medico venuto in visita gli aveva diagnosticato [continua...]
Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
Quando mi hanno chiesto se sapessi qualcosa del suo lavoro tra i poveri, se l'avessi mai conosciuto, ho risposto che avevo camminato con lei per Calcutta e che ero arrivato alla conclusione che fosse non tanto un'amica dei poveri quanto della povertà. Lodava la povertà, la malattia e la sofferenza come doni dall'alto e diceva alle persone di accettare questi doni con gioia. Era adamantinamente con [continua...]
Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
Tenete presente che le entrate complessive di Madre Teresa bastano e avanzano per attrezzare svariati ambulatori di prim'ordine nel Bengala. La decisione di non farlo, e di gestire invece un centro improvvisato e inefficiente che rischierebbe denunce e proteste se fosse diretto da qualsiasi branca della professione medica, è deliberata. Lo scopo non è quello di dare un'onesta assistenza ai soffere [continua...]
Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
Cara Madre Teresa, sono un vice procuratore distrettuale della Contea di Los Angeles, e uno dei rappresentanti della pubblica accusa nel processo contro il suo benefattore, Charles H. Keating Jr. Ho letto al giudice Ito la lettere che lei ha scritto a favore di Mr. Keating, e in cui ammette di non sapere nulla né delle sua attività né delle accuse di reato a suo carico presentate al giudice Ito. L [continua...]
Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
Il progetto è giudicare la reputazione di Madre Teresa in base alle sue azioni e alle sue parole anziché le sue azioni e le sue parole in base alla sua reputazione.
Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
La mia prima impressione fu quella di tutte le fotografie e i filmati che avevo visto di Belsen e posti del genere, perché tutti i pazienti avevano la testa rasata. Non c'erano sedie, solo barelle. Sono dello stesso tipo di quelle usate durante la prima guerra mondiale. Non c'è un giardino, nemmeno un cortile. Niente di niente. Allora mi chiesi: che cos'è questo posto?
Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
Figliola mia, so che soffri. Ma se ti dicessero che Gesù si compiace di questo tuo soffrire, non saresti per questo contenta e anche disposta a soffrire ancora di più per meglio piacergli? Ebbene, da parte di Dio ti dico che il tuo soffrire è voluto da Gesù per il tuo perfezionamento, ed egli gode a tenerti sulla croce insieme a lui: dunque, rassicurati e chiedi a Gesù di ben soffrire quello che e [continua...]
Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
Madre Teresa ha una teoria della povertà, che è anche una teoria della sottomissione e della gratitudine. Ha una teoria del potere, derivata dalle trascurate parole di San Paolo sulle autorità costituite, che "sono stabilite da Dio". E', infine, l'inviata di un papato risoluto e politicizzato. I suoi viaggi per il mondo non sono gli itinerari di una pellegrina, bensì una campagna che si conforma a [continua...]
Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
Guardiamo allora di nuovo la fotografia di Madre Teresa serrata in un abbraccio sororale con Michèle Duvalier, una delle donne più ciniche, frivole e corrotte del mondo moderno, un sepolco imbiancato e una parassita dei poveri. L'immagine e il suo contesto rivelano Madre Teresa per quella che è: una fondamentalista religiosa, un'attivista politica, una predicatrice primitiva e una complice di pote [continua...]
Christopher Hitchens, "La posizione della Missionaria. Teoria e pratica di Madre Teresa"
Coloro che son pronti ad ascoltare le critiche riguardo ai motivi discutibili e alla politica sociologica palesemente confusa di Madre Teresa, sono tuttavia propensi a credere che il suo operato sia fondamentalmente umanitario. indubbiamente, si dicono, una vita consacrata alla carità è di grande effetto dal punto di vista morale. Se non fosse per le testimonianza di persone che hanno visto con i [continua...]
David Hume, "Ricerca sull'Intelletto Umano"
Che il sole non sorgerà domani è una proposizione non meno intelligibile e non più contraddittoria dell'affermazione che sorgerà.
Donald Davidson, "Comunicazione e convenzione"
L’elemento convenzionale del linguaggio, se mai ce n’è uno, è il fatto che le persone tendono a parlare in modo molto simile ai loro vicini di casa. Ma indicando questo elemento […] non spieghiamo altro che la presenza di una convergenza; non delucidiamo affatto la natura essenziale delle abilità che in tal modo vengono a convergere.
Donald Davidson, "Eventi mentali e azioni umane"
Il punto non è se il computer possa avere pensieri, ma che per avere un solo pensiero, una credenza, un desiderio, esso deve avere un numero enorme di altri pensieri e desideri. Credenze e desideri possono esistere soltanto all’interno di un ricchissimo sistema concettuale; e, finora, gli unici sistemi che si dimostrano capaci di tale complessità e ricchezza concettuale, sono i sistemi costi [continua...]
Donald Davidson, "La credenza e la base del significato"
Per comprendere i proferimenti ed il comportamento degli altri - anche il comportamento più abnorme - dobbiamo ravvisare in essi una buona dose di ragione e di verità.
Donald Davidson, "La credenza e la base del significato"
Volendo, possiamo anche affermare che nell’interprete c’è un meccanismo che corrisponde alla teoria. Se questo vuol dire solamente che esiste qualche meccanismo che svolge tale funzione, non si vede come l’affermazione possa essere falsa.
Donald Davidson, "Sull'idea stessa di schema concettuale"
Non c’è nulla - non c’é una cosa - che renda veri gli enunciati o le teorie: non l’esperienza, né le irritazioni di superficie, né il mondo.
Donald Davidson, "Verità e interpretazione (Introduzione)"
Applicato in questo modo, [il Principio di Carità] ci raccomanda di privilegiare in linea di massima le teorie dell’interpretazione che minimizzano il disaccordo.
Emanuele Severino, "(lezioni universitarie 97/98)"
Perchè non violare un dio che si lascia violare?
Emanuele Severino, "Che cosa fanno oggi i filosofi?"
Che parlando ci s'intenda, questo non è mai qualcosa di garantito.
Emanuele Severino, "Il Parricidio Mancato"
La musica è la casa natale della parola, ma solo le parole che in questa casa vengono alla luce la riconoscono come la loro casa natale e come la rievocazione del grido.
Emanuele Severino, "Il Parricidio Mancato"
Il grido. Sta all'inizio della vita dell'uomo sulla terra. Il grido di caccia, di guerra, d'amore, di terrore, di gioia, di dolore, di morte. Ma anche gli animali gridano; e per l'uomo primitivo grida anche il vento e la terra, la nube e il mare, l'albero, la pietra, il fiume. Ma solo l'uomo si raccoglie attorno al proprio grido, in assenza degli eventi che l'hanno provocato.
Emil Cioran, "Al Culmine della Disperazione"
Avete mai provato la bestiale e stupefacente soddisfazione di guardarvi in uno specchio dopo innumerevoli notti bianche? Avete mai subìto la tortura dell'insonnia, quando si avverte ogni istante della notte, quando esistete solo voi al mondo, e il vostro dramma diventa il più importante della storia, di una storia ormai svuotata di senso, e che neppure più esiste, giacché sentite levarsi in voi le [continua...]

[ Pagina precedente ] [ Pagina 2 di 8 ] [ Pagina successiva ]
Il Bostro-X
© Federico "Bostro" Bortolotti 2011

Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.

» www.bostro.net » contatti
» Privacy Policy

Licenza Creative Commons
www.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Web Bostro.Net