Citazioni, aforismi, motti di arkadij babchenko

Elenco citazioni e aforismi, ordine per autore/libro

Arkadij Babchenko, "La guerra di un soldato in Cecenia"
Anche loro devono urlare di notte e piangere mentre dormono e ficcarsi sotto il letto senza svegliarsi quando in cortile scoppia un petardo di Capodanno, guaire dalla paura, come è successo a noi. Sono colpevoli delle nostre morti tanto quanto quelli che ci hanno ucciso, come quelli che ci hanno spinti al massacro. Perché non hanno scioperato a Mosca, perché non hanno sbarrato le strade con i picc [continua...]
Categoria: Narrativa
Arkadij Babchenko, "La guerra di un soldato in Cecenia"
I piantoni cagano direttamente dai tetti, fare su e giù di corsa venti volte a notte è sfiancante. Il cielo notturno splende, oltre che di stelle brillanti, anche dei deretani bianchi dei soldati. Passare sotto i tetti diventa pericoloso. Sono ricominciate le perdite di sangue, i calzoni sono tutti incrostati. Fra l'altro, quelle perdite le abbiamo tutti. Il retto si gonfia e sporge dal sedere [continua...]
Categoria: Narrativa
Arkadij Babchenko, "La guerra di un soldato in Cecenia"
Dio protegge i bambini e i cretini.
Categoria: Narrativa
Arkadij Babchenko, "La guerra di un soldato in Cecenia"
In Cecenia è stata uccisa tutta la nostra generazione, un'intera generazione di russi. Anche quelli di noi che sono rimasti vivi sono forse gli stessi allegri diciottenni che un giorno sono stati condotti all'esercito? No, siamo morti. Siamo morti tutti in questa guerra.
Categoria: Narrativa
Arkadij Babchenko, "La guerra di un soldato in Cecenia"
Conosciamo un'unica virtù: il sacrificio di noi stessi. "Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici" (Vangelo di Giovanni) Questo è il nostro credo. Se un giorno mi dovessero domandare: "Per che cosa hai combattuto?" risponderei: "Per quelli che si appiattivano a terra accanto a me". Abbiamo combattuto solo l'uno per l'altro.
Categoria: Narrativa
Arkadij Babchenko, "La guerra di un soldato in Cecenia"
In crudeltà talvolta superiamo gli adulti, perché siamo giovani. I bambini sono crudeli per natura e questo è un tratto della nostra vera età che ci è rimasto. Ci aiuta a sopravvivere e a uccidere gli altri. In guerra l'uomo non è più un uomo, ma un altro essere. Non abbiamo cinque sensi, ce n'è un sesto, un settimo, un decimo, che come tentacoli spuntano dai nostri corpi e nella guerra germogl [continua...]
Categoria: Narrativa
Arkadij Babchenko, "La guerra di un soldato in Cecenia"
Il battaglione entra in un villaggio. E' quasi intatto, hanno sparato poco, ma gli abitanti non si vedono. Sulla piazza centrale il vento a volare le carte e la polvere a mulinelli. Tutt'intorno alla piazza, proprio davanti alle case, sono piantate delle grandi croci. Ci sono appesi soldati russi crocifissi, sono inchiodati per le mani ai bracci, ognuna ha nel petto i fori dei proiettili. Li ha [continua...]
Categoria: Narrativa
Arkadij Babchenko, "La guerra di un soldato in Cecenia"
Ho sempre creduto che la guerra fosse in bianco e nero. Invece è a colori. Non è vero che qui "gli uccelli non cantano e gli alberi non crescono", come narra il nostro bardo Bulat Okudzava. Gli uomini uccidono in mezzo a tinte vivaci, in mezzo al verde degli alberi, sotto un cielo terso e turchese. Tutt'intorno imperversa la vita. Gli uccelli cantano a voce spiegata, l'erba è punteggiata di [continua...]
Categoria: Narrativa

[ Pagina 1 di 1 ]
Il Bostro-X
© Federico "Bostro" Bortolotti 2011

Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia, e non ne concedo alcuna autorizzazione.

» www.bostro.net » contatti
» Privacy Policy

Licenza Creative Commons
www.Bostro.net di Federico Bortolotti è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Web Bostro.Net