VAI ALLA HOME PAGE VAI AL MIO BLOG
Se la vita ora mi ha portato in questo percorso, beh, respiro a fondo, e lo affronto con coraggio. (Dez)

Il Bostro e la musica:

Articoli dal Blog cat. Musica

Keith Jarrett e il Koln Concert
Mendelssohn, Lieder Ohne Worte, Livia Rev
Mozart, Lied Abendempfindung An Laura K523
Michelangeli e Chopin: il connubio perfetto
Sergej Rachmaninov l'ultimo dei romantici
Palestrina: le voci degli angeli

Un po' di composizioni del maestro

Bostro-X - Acid Box.mp3
Bostro-X - Bonster Acid Monster.mp3
Bostro-X - bostro.MID
Bostro-X - BostroX3.1.mp3
Bostro-X - Buzz 57.mp3
Bostro-X - Studio Per Pianoforte Sintetizzato.mp3
Bostro-X - Studio Su Venus in Furs Sintetizzato.mp3
Bostro-X - The_Bostr-Ix.mp3
Bostro-X - Viaggio Notturno Di Una Maschera in Metropolitana.mp3
Galantuomini - Galantuomo.mp3
IO - Prima Vita - 01 - Parte I.ogg
IO - Prima Vita - 02 - Parte II.ogg
IO - Prima Vita - 03 - Parte III.ogg
IO - Prima Vita - 04 - Parte IV.ogg
Oblio - 01 - Batman.ogg
Oblio - 02 - Un giorno di pioggia senza ombre.ogg
Oblio - 03 - Senza nome.ogg
Oblio - 04 - Discorsi vari.ogg
Oblio - 05 - Improvvisazione.ogg
Oblio - Ascolta Improvvisazione online
Il Bostro-X ha una forte passione musicale.
Ma questa sua passione deve essere una attimo ricostruita cronologicamente... perché il percorso fatto dal Bostro-X è molto interessante.
Allora, fino all'età di circa 15 anni il Bostro aveva un rapporto marginale con la musica, salvo una parentesi da bambino. Parentesi... di che? Ma... e poi? COn calma, con calma perdio!
Quando era piccolo, si e non 10/11 anni, il Bostro aveva scoperto casualmente che il mangiacassette non era difficile da utilizzare; ed era inoltre un oggetto piuttosto simpatico. Allora, un giorno il Bostro scopre un cofanetto contenente tutte le sinfonia di Beethoven suonate da Josef Krips. Chiaramente a quel tempo il Bostro non sapeva chi cazzo era Krips, ma gli piacevano quegli insiemi sonori piuttosto forti. Poi il Bostro ti scopre un altro cofanetto: "Pianofortissimo". 10 cassette contenente il meglio della musica classica per pianoforte.
Il Bostro si innamora di "Per Elisa" di Beethoven.
Il Bostro decide dunque di cominciare a suonare il pianoforte: il suo piccolo cervello si immagina già un futuro di fama e successo. La passione è forte... ma precaria. Dura due anni, poi il Bostro si ritira.
Verso i 13 anni ha già abbandonato la musica classica e ascolta canzoni a caso; gli piace Vasco Rossi, ma non è vera passione musicale.
A 15 anni un amico (buon Alex Capponi) gli fa scoprire l'Heavy Metal, ed il danno è fatto: il Bostro diventa metallaro!!!
Chiodo, giubbotto in jeans con maniche tagliate e toppe sopra il chiodo, vestiti sciatti, collane, anelli, collari, bracciali, ferro e borchie insomma. Riesce anche ad ignorare il comando famigliare e si fa crescere i capelli.
Col tempo comincia anche a suonare la chitarra: partecipa alla fondazione di due gruppi:
  • Close Down: suonavano rock duro, non metal
  • Oblio: rock progressivo-sperimentale, fico
  • Col tempo decide che nel metal una tastiera fa la differenza, ma in entrambi i gruppi nessuno la suona e decide di farlo lui.
    Si riavvicina dunque alla tastiera, dopo molti anni; riprende anche in mano, per esercitarsi, alcuni metodi di quando era bambino, sottratti al morso della polvere e del tempo.
    Inizialmente si dedica alla produzione di invenzioni elettroniche: esempi ne trovate in questa pagina, vari studi, e intraprende anche la costruzioni di un'opera col nomignolo di IO, l'album è "Prima Vita". I titoli degli studi sono andati persi, le quattro parti comunque riguardavano una navicella persa tra le stelle, la morte dell'Eroe e la sua rinascita. Le parti erano circa 1) Morte tra le stelle 2) Smarrimento 3) Riemozione inconscia 4) Rinascita
    Ad un certo punto della sua vita un amico (il Pupatz, sempre sia lodato) gli presta una cassetta: "E' di mio fratello: è Bach, un organista" - Perché? Il Bostro non ricorda, forse perché un brano introduttivo di qualche pezzo Metal era di Bach? Chissà, forse...
    Bostro arriva a casa, ascolta la cassetta, la riascolta, la duplica, la restituisce e non fa altro che ascoltarla.
    E' una selezione di opere organistiche di Bach suonate dal mitico organista cieco Helmut Walcha: ci sono la famosa Toccata e Fuga in re minore, la Toccata e Fuga "Dorische", la splendida Passacaglia in do diesis minore... Il Bostro è esterefatto: come si può scrivere musica simile? Come il modesto cervello umano può riuscire a produrre qualcosa di simile? Finora il Bostro pensava (sapeva) che l'Uomo fosse un essere minorato, un paradosso della natura, ma un paradosso non può "produrre ex nihilo" qualcosa come... come... questi prodigi che lui stava ascoltando!!!
    Da quel giorno il Bostro ha abbandonato quasi completamente il Metal: lo ascolta saltuariamente, quando ha bisogno di spegnere il cervello. E quei momenti sono piuttosto pochi. Ha anche tentato di riprendere in mano il pianoforte, ma ormai il tempo era poco, gli impegni tanti, problemi vari alle articolazioni si sovrapponevano alla sua passione.
    Oggi il Bostro ha una collezione di circa 800 CD di musica classica.
    Ovviamente, di Bach ha l'opera completa.
    I suoi generi preferiti sono legati alle tradizioni più profondamente tedesche, quindi il barocco di Bach e simili, il primo romanticismo, lo Sturm und Drang in musica di Beethoven, la malinconia decadente di Mahler, la grandiosa opera di Wagner per il quale il Bostro-X ha una specie di soggezione come l'uomo misera di fronte a ciò che crede divino. Il Bostro adora il tipico Lieder romantico teutonico di Schubert, soprattutto i grossi cicli (Winterreise è assolutamente un capolavoro che almeno una volta nella vita deve essere ascoltato).
    In sostanza il Bostro apprezza i grossi lavori tecnicamente perfetti, il contrappunto, il sentimentalismo pure non lo disprezza ma per lui è comunque in secondo piano: i notturni di Chopin sono assolutamente meravigliosi, ma posti di fronte all'Aria delle Variazioni Goldberg di Bach impallidiscono, e scompaiono.
    Le decine di sinfonia di Mozart sono fantastiche: il Bostro ha l'opera omnia anche di Mozart. Il classicismo non è proprio il suo genere prediletto, ma il Bostro, in sostanza, non disprezza nulla della grande musica classica. Ma poste tutte insieme di fronte alle grandiose sinfonia di Gustav Mahler non hanno possibilità di salvezza. Basta l'incipit della 10^, o l'Adagietto della 5^, per sopraffarle.
    E poi lui, il Dio assoluto, la mente suprema, l'uomo più grande che abbia calpestato questo deludente pianeta: Richard Wagner. Lui ha prodotta qualcosa di irripetibile, di sublime: Tristano e Isotta (mio dio, il Preludio al terzo atto, ripreso dai Wesendonk Lieder!), Parsifal (il coro dei pellegrini!), Lohengrin (il preludio!), I Maestri Cantori di Norimberga (il coro iniziale, l'apoteosi germanica!), L'Olandese Volante (il preludio iniziale, il suo inizio e anche la sua fine, mio dio!)... ma soprattutto il superbo, quasi incredibile, prova inconfutabile che l'uomo può fare ed essere molto di più: L'Anello del Nibelungo! Irraggiungibile! Niente è arrivato a tanto, ma non solo nel mondo della musica, in qualsiasi ambito nulla è arrivato a tale livello di perfezione. Non mi stanco mai di ascoltarlo, non mi stancherò mai di leggerne i libretti, non finirò mai di immaginarmelo! Mi sveglio al mattino col Risveglio di Brunhilde dal Sigfrido! Chi non conosce ed apprezza la Cavalcata delle Valchirie, perdio! Bene, il resto dell'opera di Wagner è 100 volte di più. Forse anche mille.
    Parental Advisory Bostro.Net
    Il Bostro-X
    © Federico "Bostro" Bortolotti 2011

    Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia!

    Qualsiasi utilizzo non autorizzato dei contenuti pubblicati dal dominio www.bostro.net va segnalato al Bostro e bisogna richiedere la sua autorizzazione.

    » www.bostro.net » info[at]bostro.net

    » Privacy - Feed RSS
    Original Friulano
    ORIGINAL FRIULANO!
    KTM 990 Adventure Bostro.Net