VAI ALLA HOME PAGE VAI AL MIO BLOG
IL MOTTO DEL MOMENTO: L'avverto, signor giudice. Dopo questo interrogatorio lei diventerà una celebrità. Ma cercheranno di distruggerla fisicamente e professionalmente. E con me faranno lo stesso. Non dimentichi che il conto che ha aperto con Cosa Nostra non si chiuderà mai. È sempre del parere di interrogarmi?
Halldor Laxness, Il concerto dei pesci

AUTORE: Halldor Laxness

TITOLO: Il concerto dei pesci


Stato lettura: LETTURA CONCLUSA IL 30/05/2017

Recensione

I pesci possono cantare? Si può restare fedeli alle radici quando la vocazione artistica spinge a varcare i propri confini? Alle soglie del XX secolo l’Islanda si affaccia alla modernità di un mondo globalizzato: Reykjavík si appresta a diventare una capitale dominata dai mercanti, ma ai suoi margini, nel borgo di Brekkukot, l’ipocrisia e l’arroganza della borghesia emergente restano fuori dalla casupola di torba del vecchio Björn, un pescatore stagionale che resiste alla logica mercantile con illuminata testardaggine. Fedele alla ruvida, ma generosa etica tradizionale, Björn offre ospitalità a un campionario di personaggi stravaganti nel suo sottotetto: qui vedrà la luce anche il piccolo Álfgrímur, abbandonato dalla madre e destinato a seguire sul mare il “nonno adottivo”. Ma è cantando ai funerali nel cimitero sotto casa, che il giovane deciderà di dedicarsi alla musica, alla ricerca “di un’unica nota pura”, un ideale unisono fra talento artistico e limpidezza di cuore. Avviato agli studi, Álfgrímur si troverà diviso tra l’idillico microcosmo della sua infanzia e il richiamo di un mondo complesso, ambiguo e attraente, incarnato dalla enigmatica figura di Garðar Hólm, il cantante lirico celebre in tutto il mondo che in patria nessuno ha mai sentito cantare: icona nazionale dai tratti sfuggenti, cela un mi-stero che solo specchiandosi nella coscienza limpida di Álfgrímur potrà essere sciolto. Laxness guarda con ironia e nostalgia al mondo della sua infanzia, consegnandoci il romanzo di formazione di un’artista e di un’intera nazione, sospesa fra tradizione e innovazione.

Giudizio

Voto:
Bello, ma lento e incredibilmente pesante, più vicino a una parabola che a un romanzo. La vita di Álfgrímur è narrata in prima persona e ogni capitolo è una vicenda quasi a se stante, con alcuni temi che si prolungano nella progressione del romanzo. Tuttavia i dialoghi, gli avvenimenti, sono poco credibili e ciò non sarebbe neanche assurdo se però l'intera struttura del romanzo non si muovesse come una autobiografia.
Lo scrittore è bravo, la narrazione bella, ma i contenuti sono caotici e nel complesso diventa un libro molto molto pesante e noioso anche perché sono quasi 300 pagine. I capitoli, vista la dimensione del romanzo, sono a mio avviso troppo corti e lo spezzettano troppo spesso. C'è ironia e morale, ma forse sarebbe stato meglio se fare un romanzo finto-autobiografico o una novella fantastica, oppure forse - ancora meglio - una serie di racconti con un tema comune: Bjorn di Brekkukot. I racconti avrebbero forse reso più giustizia allo scopo iniziale del libro. Da metà in poi non vedevo l'ora che finisse, e quando un libro ispira questa angoscia, qualcosa è andato storto.
La parte finale è noiosissima e lunghissima e quasi insensata, lunghi e stupidi monologhi di personaggi caricaturali come i loro discorsi. Nessuna teleologia finale, nessuna morale da tirare, nessuna chiosa stile "romanzo di formazione".
Il curatore, nella Postfazione, tenta di dare un'interpretazione al racconto poiché è narrato in prima persona è la realtà è sfalsata nella interpretazione stessa della vita di Alfgrimur. Ci può stare. La potenza narrativa c'è. Ma è a mio avviso, quello di Laxness, un obiettivo troppo grande che non è riuscito a centrare. Bisogna anche dire, d'altro canto, che il romanzo è profondamente islandese e probabilmente un islandese, conscio della storia recente della sua terra, riuscirebbe a comprenderlo meglio.

Cerca citazioni di Halldor Laxness tra quelle inserite!

Parental Advisory Bostro.Net
Il Bostro-X
© Federico "Bostro" Bortolotti 2011

Questo sito l'ho realizzato io e quindi è proprietà intellettuale mia!

Qualsiasi utilizzo non autorizzato dei contenuti pubblicati dal dominio www.bostro.net va segnalato al Bostro e bisogna richiedere la sua autorizzazione.

» www.bostro.net » info[at]bostro.net

» Privacy
Original Friulano
ORIGINAL FRIULANO!
KTM 990 Adventure Bostro.Net